Come prendersi cura di un bonsai4 minuti di lettura

Il Bonsai è un albero molto comune e la sua diffusione sta nel fatto che è una pianta che riesce a stare e a vivere in posti dove c’è scarsa illuminazione.Una caratteristica principale del Bonsai è la capacità delle radici superficiali di sviluppata intorno ai rami più bassi, ed è una pratica per chi ha inventato lo stile del bonsai sulla roccia.

In questo articolo analizzeremo in particolare:

  • Le origini e le caratteristiche salienti del bonsai
  • Le domande più frequenti sul bonsai
  • Cosa differenzia il bonsai ginseng dagli altri

Cos’è il bonsai e le sue caratteristiche principali

Il bonsai è noto per il suo tronco robusto con un colore da tende a variare dal grigio al rossastro. Il Bonsai è originario della zona dell’Asia orientale ed è una pianta che è molto richiesta dagli allevatori e coltivatori di alberi bonsai. Il Bonsai apprezza sempre le zone all’aperto soprattutto le stagioni comprese tra primavera e estate. Durante la notte si consiglia sempre di mettere il vaso di bonsai su un davanzale oppure su un tavolo, la sua posizione preferita è verso sud. La pianta del bonsai non richiede particolare attenzione per quanto concerne l’innaffiatura, basta semplicemente controllare di volta in volta che il suo terreno non sia troppo asciutto, e a quel punto mettere dell’acqua che lo rende più umido. Il bonsai è una pianta che resiste a lungo e non richiede molte attenzioni dal punto di vista del terriccio. Il periodo per potare al meglio questa pianta è raccomandato prima che inizi il nuovo periodo vegetativo. 

READ  Fiori e dipinti d'autore... Che voglia di Primavera!

Bisogna considerare che questa pianta ama le stagioni molto calde, quindi il rinvaso dev’essere sempre fatto ogni 3 o 4 anni. 

Le domande più frequenti sul bonsai

Come si rendono più piccole le foglie più piccole del bonsai? 

Per questo fattore bisogna aumentare la luce giornaliera della pianta, quindi deve stare il più possibile in un ambiente caldo. 

Perché il bonsai perde le foglie? 

Questa pianta in genere come tutte le altre piante, perdono le loro foglie per lo stress accumulato fino a che non si adatta al nuovo ambiente, e questo fenomeno può succedere anche se la pianta viene innaffiata costantemente, ma è solo un fattore normale delle piante.

Il bonsai richiede una grande cura e manutenzione?

Alcune specie di bonsai crescono nei paesi della Florida dove le temperature risultano essere molto alte. Bisogna essere prudenti nel curare questa pianta, e assicurarsi sempre che il suo terreno sia sempre umido e mai asciutto perché se fosse così mettiamo in pericolo il suo stato. Il luogo migliore dove porre questa pianta è l’interno di una casa, specie sul davanzale oppure sopra un tavolo, l’importante che sia ben custodita e gli arrivi tanta luce. Durante i periodo freddi è sempre raccomandato tenere il Bonsai all’interno del recipiente. Bisogna inoltre favorire sempre un terreno drenato e utilizzare per il rinvaso un terriccio universale e akadama in equilibrio al 50 %. Per quanto concerne l’uso della fertilizzazione e della concimazione, deve essere sempre costante e continua per almeno 12 mesi. Il concime liquido deve applicato ogni 15 giorni. 

Le caratteristiche salienti del bonsai ginseng

A questa pianta viene attribuito il nome di Bonsai ginseng perché è una tipica pianta dalle sue grosse radici che ricordano le radici del ginseng. Questa pianta arricchisce con la sua bellezza ogni ambiente della vostra casa.

READ  Il girasole: dalle antiche leggende ai giorni nostri

La pianta del Bonsai ginseng è quella pianta adatta per vive anche in appartamento perché la sua estetica è molto elegante, ha un fusto allargato, e le sue foglie sono lucide e crescono lungo il loro fusto. L’unica pecca di questa pianta sta nel fatto che come tutte e piante si possono ammalare e spesso capita che degli acari possono attaccare le foglie del bonsai, quindi è opportuno effettuare durante l’anno dei trattamenti su consiglio degli esperti relativi alla pianta del bonsai che permetterà di far vivere a lungo la pianta senza problematiche di questo tipo. Una delle maggiori attenzioni rivolte a questa pianta è l’irrigazione. Bisogna essere sempre pronti a capire quando la pianta necessita di essere inumidita e bisogna far attenzione a non creare mai dei ristagni sotto il vaso. Le foglie del bonsai sono sempre verdi e piccole, e rivestono la pianta per tutto il periodo dell’anno. La sua bellezza è unica, e l’originalità delle sue foglie e dei suoi fiori sono altrettanto uniche.

In conclusione il Bonsai ginseng non è come tutte quelle piante che necessitano di grande attenzione, diversamente è una pianta che si adatta a stare nei diversi ambienti, e come abbiamo detto ama molto la stagione estiva e primaverile, ma allo stesso tempo si adatta anche ad ambienti in cui non c’è una certa illuminazione. Si consiglia sempre di mettere la pianta in un punto di luce che permette il normale flusso di fotosintesi clorofilliana e permette alle foglio di vegetare in maniera corretta: altre specie di bonsai per crescere in modo sano hanno bisogno dei cosiddetti valori lux, e questo dipende da un valore che va dai 1000 a 2000 lux. Per lux s’intende la misura di intensità relativa alla luce. Queste piante difficilmente tollerano posti freddi,e piogge gelate. 

ofertas flores mas vendidas
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •