ORCHIDEA BLU3 minuti di lettura

L’orchidea Phalaenopsis è, senza dubbio, una delle piante da interno più amate. È facile da mantenere, con fiori che durano per mesi ed è disponibile in un’impressionante varietà di colori.

Il gran numero di colori e sfumature è dovuto all’ottenimento di ibridi, e la loro varietà cresce con ogni anno che passa. Se parliamo di colori impressionanti, una delle orchidee più eccezionali è l’orchidea blu

  • Esistono in natura?
  • L’orchidea blu
  • Come ottenere un’orchidea blu

Leggi questo articolo per scoprire le risposte a queste domande.

ESISTONO IN NATURA?

Prima di tutto bisogna fare distinzione tra le vere orchidee blu, Vanda Coerulea e le comuni Phalenopsis.                                                      La colorazione artificiale è l’unico modo per ottenere quel blu per le specie di Phalaenopsis, nessuna ha un colore blu. Le uniche orchidee dal blu autentico sono le Vanda Coerulea.

L’ORCHIEDEA BLU

Orchidea blu o Vanda Coerulea, è un’orchidea che spicca tra gli altri fiori per il suo colore sicuramente poco comune.

È l’unica orchidea che ti dà colori completamente surreali ma naturali. Come il suo gambo che noterai è di un verde fresco, quindi non c’è spazio per l’inchiostro. Inoltre, i suoi petali hanno uno schema specifico che è facilmente riconoscibile. Indipendentemente dal tipo di orchidea che scegli, è bene controllare il nome della pianta e leggere le etichette.

READ  FIORI DI BACH

Il fiore è noto in Cina sin dall’antichità e nel Medioevo si riteneva che potesse allontanare le disgrazie ed evitare la sterilità femminile.

La scoperta dell’Orchidea Blu risale al 1837 ed è dovuta al botanico inglese William Griffit. Fu però solo nel 1847 che ne fu documentata l’esistenza da Lindley e nel 1850 che Thomas Lobb e Joseph Hooker la importarono in Occidente.

Come ottenere le orchidee blu?

Sebbene apparentemente semplice, il processo di colorazione delle orchidee è fuori dalla portata dei non professionisti.

Si usa un inchiostro colorato, che non danneggi la pianta, che viene gradualmente iniettato nel gambo dell’orchidea.

Dopo aver iniettato la quantità necessaria di inchiostro, il luogo in cui è stata praticata l’incisione nella deformazione viene coperto con cera. Questa procedura è necessaria per prevenire le malattie delle piante e la perdita di linfa.

Si utilizzano solitamente orchidee bianche, la Phalenopsis, per rendere il blu il più ovvio possibile.

I nuovi fiori della tua orchidea blu sono bianchi e non blu?

Potrebbe essere successo anche a te! Hai acquistato un’orchidea Phalaenopsis con fiori blu come il cielo estivo, e dopo un anno rimarrai stupito nel vedere che i fiori blu sono stati trasformati dalla magia in un bianco immacolato.

Non si tratta di magia, è semplicemente una colorazione artificiale degli steli dei fiori e viene utilizzato un inchiostro che non danneggia la pianta e viene eliminato nel tempo. Anche se la varietà Royal Blue è menzionata sull’etichetta, dovresti sapere che questa varietà non esiste naturalmente, essendo nient’altro che una strategia di marketing. L’unica orchidea blu che esiste in natura è la Vanda Coerulea, decisamente più costosa e dall’aspetto più naturale.

READ  Le varie tecniche per essiccare i fiori

Se vuoi convincerti della natura del fiore, osserva attentamente lo stelo del fiore, perché noterai il punto di iniezione della soluzione blu. Inoltre, il colore dello stelo è diverso e puoi notare il primo confronto con altre piante nel negozio.

Il colore dello stelo della pianta è molto più scuro, un marrone scuro che batte verso il blu. Puoi facilmente capire quando la pianta ha delle gemme perché anche loro sembrano diverse. È certo che se acquisti un’orchidea blu di colore artificiale, la godrai per un massimo di un anno, finché la vernice resiste, ma in seguito i fiori diventeranno bianchi quando l’inchiostro finisce, in modo che alla fine sarà completamente bianco.

ofertas flores mas vendidas

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •